• Giovanni Gatti

Covid-19 e famiglie: il ruolo delle aspettative

La pandemia ha fortemente influenzato tutti gli agenti economici e le famiglie in particolare, aumentando la loro ansia e la loro insicurezza, modificando le loro aspettative future. Infatti, con aspettative future negative e sentimenti di incertezza economica, solitamente gli agenti (le famiglie) preferiscono detenere liquidità, piuttosto che spendere denaro, il ché, provoca forti contrazioni economiche e squilibri dal lato della domanda, tale per cui, una lunga permanenza di aspettative negative potrebbe comportare forti recessioni economiche.

Tenere in considerazione le aspettative dei nuclei famigliari è fondamentale, al fine di considerare ottimamente gli effetti e le conseguenze della crisi pandemica sull’economia e per fare in modo che i governi possano agire tempestivamente al contenimento della crisi economica.


Covid e aspettative: confronti con il passato

Analizzare la serie storica ventennale riguardante gli indici di aspettativa delle famiglie in area Euro, è importante per confrontare l’attuale crisi con quelle passate e quindi comprenderne l’eventuale evoluzione.

I tre indici utilizzati tutti riferiti alle famiglie sono: il CSI che indica la generale percezione in merito alla situazione economica, il DIS rappresentante il dissenso, l’HUN che misura l’incertezza dei nuclei familiari (rientrano tutte le famiglie che effettivamente rispondono con “Non lo so” sulla propria situazione economica e su quella generale).

Tutti e tre gli indici, in linea con quanto successo nel 2008 per la crisi finanziaria e fra 2011 e 2012 per la crisi del debito sovrano, subiscono un netto crollo in corrispondenza della pandemia, con conseguente drastico aumento dell’incertezza e dissenso, ad un livello superiore di quello registrato durante le crisi passate.

In sintesi, la pandemia, come confermato dai dati, ha provocato grande pessimismo e ansia fra le famiglie europee, in modo particolare, queste denunciano un’estrema incertezza futura, anche superiore alle precedenti crisi economiche di questo secolo.


Pandemia amplificata: maggior rispetto delle misure, ma maggior ansia

Già Fetzer et al. (2020) illustrano in un loro paper come il sentimento di ansia e negatività, generato dalla pandemia, può essere effettivamente modellato dalle notizie e dai media, infatti la percezione che la popolazione ha della pandemia, in seguito alle continue notizie e aggiornamenti sul virus, potrebbe discostarsi dalla realtà.

In un sondaggio ad un campione di 915 americani rispetto ai principali aspetti della pandemia: i casi totali e le morti totali, la percezione della popolazione considerata risulta ampiamente amplificata (sondaggio del 5 Marzo 2020).


In merito alla mortalità, la risposta del campione definisce un valore medio del 5%, di gran lunga superiore a quello reale, che si attesta intorno all’1%. Il fenomeno amplificativo è ancor più accentuato se si considera la contagiosità, per cui la mediana risulta essere pari a 10. Dunque, le persone protagoniste dell’analisi, ritengono mediamente che ogni persona contagiata possa trasmettere il virus ad altre 10, mentre il vero valore reale di contagiosità è notevolmente inferiore, tra 2 e 3.

Se un’amplificata percezione della pandemia può portare a comportamenti maggiormente oculati, finalizzati al rispetto delle misure di contenimento, dall’altro lato può indicare un generale stato di ansia e negatività, che comporta aspettative negative e incertezza generale per il futuro.


L’impatto della pandemia e delle misure di contenimento sulle aspettative

Ulteriormente interessante è considerare la correlazione dei vari indici familiari di percezione, dissenso e incertezza, rispetto a quattro fattori: il totale dei contagi in Europa, il numero di morti per il virus, le misure di contenimento (quarantena) e l’indice di stimolo economico del Covid (CESI, indice che permette di costruire le diverse risposte economiche in seguito alla pandemia in maniera aggregata nei vari Paesi).


Sebbene le seguenti statistiche potrebbero essere soggette ad errori di misurazione, un risultato sorprendente è l’elevata correlazione fra le misure di contenimento con la percezione e il dissenso fra le famiglie.  All’aumentare delle misure stringenti aumentano le aspettative negative delle famiglie, più di quanto queste non facciano considerando il numero di casi e le morti da Coronavirus. Quindi, i casi totali e il numero di morti impattano meno sulla percezione e sul sentimento delle famiglie, rispetto a quanto faccia il maggiore ricorso alla quarantena. Al contrario, l’incertezza delle famiglie è maggiormente influenzata dal numero di morti e di casi totali, quindi dall’effettiva presenza della pandemia, piuttosto che dalle misure di contenimento. 


L’importanza di una risposta effettiva e immediata dei governi Europei

Dall' analisi effettuata, risulta fondamentale una risposta adeguata e tempestiva dei governi nazionali sia in merito alla crisi sanitaria, che alla crisi economica, per evitare che il sentimento di negatività e incertezza si prolunghi a medio e lungo termine, con possibili effetti devastanti sulle economie.

Inoltre, se fino ad ora l’utilizzo di misure di contenimento stringenti, quali la quarantena, erano imprescindibili per contenere la pandemia, in futuro un eventuale ricorso a queste, potrebbe aumentare ulteriormente le aspettative negative delle famiglie, con una recessione ancora più profonda. Infatti, i diversi shock sul lato delle aspettative possono concretizzarsi in shock sul lato della domanda, provocando la contrazione dei consumi, una maggiore disoccupazione e una più alta inflazione

I governi sono chiamati dunque ad una grande sfida, contenere la pandemia cercando il più possibile di non intaccare ulteriormente la situazione economica generale, con la speranza che l’arrivo della bella stagione dia una mano sia al contenimento del virus che alla ripresa delle aspettative delle famiglie.

Giovanni Gatti

References

Ambrocio G. (2020), The impact of COVID-19 on European household expectations, Voxeu

Fetzer T. (2020), Coronavirus perceptions and economic anxiety, Voxeu

93 visualizzazioni0 commenti
REGISTRATI E RICEVI I NOSTRI AGGIORNAMENTI!
  • Grey Instagram Icona
  • Grey Twitter Icon
  • Grey LinkedIn Icon
  • Grey Facebook Icon

© 2023 by Il Concetto Economico

  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Instagram